Il concetto

Come lunghi echi che da lungi si confondono
in una tenebrosa e profonda unità,
vasta come la notte e il chiarore del giorno,
profumi, colori e suoni si rispondono.
Charles Baudelaire, « Corrispondenze » (trad. A. Bertolucci)

Ecco riassunta, in pochi versi, la genesi del mio lavoro. Le arti visive, sonore, letterarie e dello spettacolo intrattengono rapporti ricchi di analogie, di interazioni, di « corrispondenze ». Questi legami possono essere tematici oppure formali. Le diverse arti ci insegnano molto le une sulle altre e le opere costituiscono delle testimonianze eloquenti sui propri contesti storici. Però, come giustamente scrive Baudelaire, in queste « foreste di simboli » molti sentono solo « confuse parole ». Queste sinestesie e questi riferimenti al tempo della creazione dell’opera devono essere spiegati, analizzati, decifrati. Non è questo, appunto, il ruolo di un conferenziere ? È questa la “missione” che vorrei compiere : trasmettere una conoscenza delle arti, dei rapporti che esse hanno fra di loro e con i propri tempi, rendendola accessibile ai più.

Ho quindi voluto, da conferenziere e cantante lirico, che le mie visite cantate (in mostre, monumenti, ecc.) e conferenze-concerti (in sale da conferenza o da concerto) riunissero, attorno ad una stessa tematica, delle spiegazioni storiche ed artistiche, dei frammenti di opere letterarie e delle parti musicali che io stesso interpreto (arie d’opera, canzoni popolari, mélodies françaises, ecc.).

Ecco un breve video per darvi un esempio, fra molti altri, delle tematiche che possono essere trattate nelle mie conferenze-concerti :



Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram